Camere di stagionatura in ambito gastronomico

Grazie all’esperienza pluriennale acquisita nella realizzazione di camere climatiche di simulazione ambientale offriamo la stessa tecnologia di controllo per la realizzazione di impianti di stagionatura a cubatura richiesta

Con l’attuali costi energetici abbiao pensato di creare un progetto di camera di stagionatura  che utilizza nella fase di  basso valore igrometrico un impianto che non usa resistenze di post riscaldamento ma lo stesso calore prodotto dal sistema di refrigerazione in fase di deumidificazione.

Con questo sistema si possono ridurre i consumi da 12000 W ad appena 4000 come attività di post riscaldamento.
In questo modo su ogni apparecchio si ottiene un consumo di appena 1/3 rispetto al tipo a resistenza

Naturalmente grazie al nostro sistema di laminazione CEC  possiamo ottenere la massima efficienza di sottrazione di umidità, riducendo i tempi classici di deumidificazione, generando un consumo orario al di sotto dei tradizionali impianti di refrigerazione

Le immagine che vedi sono quelle di una doppia camera di stagionatura con le caratteristiche enunciate ed in più, con programma di simulazione temperatura e umidità copiati dall’andamento di una vera cantina di stagionatura che abbiamo precedentemente acquisito da un  nostro sistema di supervisione.
Il risultato ottenuto a permesso al nostro cliente di non rinunciare ad una qualità superiore di stagionatura passando da un sistema reale ad uno simulato  con costi di gestione ridottissimi 

La stessa tecnologia è applicabile anche su armadi da 650 lt e 900 Lt la dove si voglia stagionare piccoli volumi di materiale.

Quando ti trovi di fronte alla necessità di acquistar una camera di stagionatura chiedi sempre che l’attività di deumificazione sia eseguita con concetto del gas caldo del sistema di refrigerazione in camera.